Monterosi

Uccise la ex, ora perizia psichiatrica

Una perizia psichiatrica accerterà se Francesco Carrieri, il direttore di banca di 56 anni che l'1 maggio 2017 a Roma ha ucciso la compagna Michela Di Pompeo fosse capace di intendere e di volere al momento del fatto. Il gup ha affidato oggi l'incarico al perito che avrà 90 giorni per completare il lavoro. Nei confronti dell'imputato il pm ha sollecitato una condanna a 12 anni senza alcuna aggravante e con l'attenuante della seminfermità mentale. Su quest'ultimo aspetto il giudice vuole effettuare altri accertamenti e ha aggiornato il processo al 26 luglio. La sentenza è prevista per il 2 agosto. Il fatto avvenne nell'appartamento della donna, in via del Babuino. L'imputato uccise la compagna che insegnava alla Deutsche Schule di Roma con un manubrio da palestra. Dopo l'arresto ammise di averla colpita al culmine di una lite scaturita dal suo timore di essere lasciato. "Ho perso la testa - disse durante l'interrogatorio di convalida - Ho sofferto di depressione e ho provato anche a suicidarmi".

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie